Il viaggio in moto da due punti di vista

Il settimo solito resoconto

Stavolta vi racconto una storia diversa. Di strada quest’anno ne abbiamo fatta tanta, ma stavolta l’asfalto non c’entra nulla.

A metà dell’estate il vento dell’est finalmente si è fatto sentire. Era un vento caldo e improvviso, forte e carico di novità e occasioni. Quella sera cenavo con dei cari amici e parlavamo di lavoro. Uno di loro aveva rassegnato le dimissioni da poco, tutti ci lamentavamo di quanto i nostri rispettivi ruoli ci stavano stressando e consumando. Lui aveva già firmato il contratto con un’azienda nuova e io a distanza di una settimana avrei firmato il contratto per sostituire lui. Lui ora lavora in un’azienda molto grande, io sono ritornato a “sporcarmi” le mani in una ditta dimensione decisamente più modesta e alla mano. Ed è successo quindi che nel giro di due mesi, ferie in Albania comprese, io e la mia dolce metà, abbiamo cambiato lavoro, casa e vita. Siamo ritornati a vivere tra i nostri amati colli tra Vicenza e Padova, vicini alle nostre famiglie, ai nostri amici, alle nostre vecchie abitudini.

I miei capelli castani stanno inesorabilmente lasciando il posto a quelli bianchi e a breve sarò pure zio (lo zio figo con gli orecchini e la moto). Ma ti accorgi che le cose cambiano anche quando ti accorgi si invertono alcuni ruoli: il giorno di Natale andiamo sempre a pranzo da una zia che abita in collina, e quel giorno mio nonno mi ha chiesto se lo portavo a fare un giro in macchina. Era da tanto tempo che non andava a vedere le strade che percorreva da giovane, quando anche lui abitava da quelle parti. Ma stavolta a guidare non era lui e io non ero seduto sul sedile del passeggero, stavolta non mi portava a funghi o a castagne. Ora sono io a dover prendere per mano lui, anche solo per aiutarlo a fare due passi. Nella tasca non ha più la roncola e le caramelle, nel taschino della camicia non ha neanche il pettine (tipo quello di Fonzie, per capirci). Alcune cose cambiano senza che ce ne accorgiamo.

Siamo tornati sui nostri passi e abbiamo ritrovato la nostra cara e vecchia strada. Èd ed propio da lì che ha avuto inizio tutto il nostro viaggio, e lì che ne inizieranno tanti altri.

Ci si vede in giro, magari su questa cara e vecchia strada.

Next Post

Previous Post

1 Comment

  1. Mattia 6 Gennaio 2019

    Commuovente

Leave a Reply

© Tutti i diritti riservati 2019 Due In Sella