Il viaggio in moto da due punti di vista

Letargo

Sul più bello che la stagione delle piogge si era conclusa, io mi sono ritirato dalla strada. Giusto, no?
Niente paura, ora che piove nuovamente (frane e smottamenti compresi), posso ricominciare a far qualche giro.

No, scherzo, stavolta probabilmente è già arrivato il momento di andare il letargo, anche se devo ancora provare il nuovo giocattolo che ho comprato per la moto…

A parte un paio di piccoli tour di metà giornata, mi è quasi sparito l’interesse di usare la moto, per quest’anno. Di strada ne abbiamo fatta veramente tanta quest’anno: uso il plurale perché il 90% dei km ho avuto dietro di me la mia fedele e quasi instancabile zavorrina. Quest’anno ha avuto tutte le ragioni del mondo per lamentarsi, visto quanto tempo abbiamo viaggiato sotto la pioggia battente in Sicilia, o nel gelo della Svizzera, o tra la polvere e il caldo della Sardegna. Per non parlare di quel giorno che abbiamo evitato una frana.

Sembra quasi un riepilogo annuale questo post, ma non lo è. Dovevo solamente trovare una scusa per scrivere qui. Sentivo la mancanza del mio blog.

E poi qualche giorno fa ho fatto un incidente in macchina, a causa di un signore che mi ha tagliato la strada, e di colpo mi sono ritrovato a pensare a quanti rischi ho corso e soprattutto ho fatto correre a quella povera ragazza che mi sopporta e che sale sulla moto nonostante tutto.

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2017 Due In Sella

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.