Il viaggio in moto da due punti di vista

Colli Euganei

Si, lo so, ho trascurato un pochino il blog negli ultimi giorni. Ovviamente perché la stagione migliore per muoversi in moto è giunta al termine, ma soprattutto perché la pioggia abbondante non permette di muoversi. Già, un conto è trovarsi per strada e inizia a piovere, un altro discorso è quello di partire da casa con la pioggia.

Nell’ultimo fine settimana, con l’aiuto di un caro amico, ho montato qualche nuovo giocattolo: un accendisigari per collegare il navigatore/smartphone e un paio di fanali supplementari  Givi che si son rivelati portentosi (a parte per quell’interruttore di accensione troppo piccolo per essere azionato agevolmente con i guanti).

Il luogo migliore per testare i nuovi giocattoli sono territori conosciuti, quali le vicinanze alle zone rurali del paese, e il giorno seguente un giro alternativo dei vicini Colli Euganei in moto. Inutile dire che ormai li conosco a memoria, fatta eccezione per quelle strade piccole che si inoltrano attraverso i vigneti e i tanti agriturismi. Il colore che l’autunno regala al paesaggio sembrano uscire da un malinconico dipinto di un paesaggio di altri tempi.

Un percorso di pochi chilometri, che passa dal Monte della Madonna, che sovrasta Rovolon e Teolo, per poi passare a Castelnuovo, Vo Euganeo e proseguire in direzione di Fontanafredda, ma svoltando in tutte quelle vie che ci sono sulla sinistra. Qui non si corre, si passeggia e ci si gode il territorio e tutto quello che la luce di un sole autunnale può offrire.


 

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2017 Due In Sella

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.